“Boundless Cybersecurity” protegge le organizzazioni impegnate nel definire una nuova “normalità operativa”

C’è una nuova “normalità operativa” per tutte le imprese, le organizzazioni, le aziende e gli enti pubblici. Si tratta di una nuova realtà lavorativa all’insegna della mobilità, del telelavoro e di una minore sicurezza per tutti.

Questa rapida trasformazione ha accelerato i piani per la tecnologia, le comunicazioni, le reti e la cibersicurezza del futuro.

Siamo entrati nell’era dell’attività “sempre e dovunque”, che cambierà per sempre le caratteristiche dell’informatica e il panorama imprenditoriale. La realtà informatica distribuita che sta conoscendo una massiccia espansione – alimentata dalla proliferazione di applicazioni e dispositivi, del cloud pervasivo, delle organizzazioni senza confini, dei sensori ovunque – sta provocando un’esplosione senza precedenti dei punti di esposizione per le aziende.

Queste forze combinate fanno crescere i rischi in modo drammatico, rendendo proibitivi i costi della sicurezza convenzionale e più grave la mancanza di personale specializzato. Non è possibile far fronte ai limiti di bilancio e di personale, il che produce una crescente lacuna nel settore della cibersicurezza, impossibile da colmare con gli approcci alla sicurezza convenzionali.

Che cosa fanno allora le organizzazioni per proteggere l’integrità delle loro attività quando poco meno del 100% dei dipendenti lavora in remoto, tutto è aperto e accessibile, le violazioni sono inevitabili, le soluzioni convenzionali non sono più all’altezza e l’aumento dei controlli provoca pressioni sempre più forti?

Come mai prima d’ora, ciò che occorre è passare a un nuovo Modello di cibersicurezza illimitata, che mobiliti le organizzazioni per la nuova normalità operativa, il tutto liberandosi dai vincoli del passato. Questo nuovo modello comporta il passaggio delle organizzazioni da strategie convenzionali e limitate a modalità moderne, lungimiranti e illimitate.

Che cosa è la cibersicurezza illimitata?

Un nuovo clima globale e dinamiche di mercato in rapida evoluzione rendono più pressante l’esigenza di una cibersicurezza illimitata, in grado di mitigare in anticipo i ciberattacchi nei punti di esposizione esterni delle organizzazioni, compresi i dipendenti che lavorano in remoto e gli utenti mobili e che utilizzano il cloud. La cibersicurezza illimitata si basa su tre princìpi fondamentali:

  • Conoscere l’ignoto. Rilevare le minacce evasive e all’avanguardia tramite le innovazioni tecnologiche di SonicWall, come il servizio di sandbox nel cloud Capture Advanced Threat Protection (ATP), la tecnologia Real-Time Deep Memory InspectionTM (RTDMI) in attesa di brevetto, l’apprendimento automatico e l’intelligenza profonda delle ciberminacce.
  • Vedere tutto. Dovunque. Basta con la gestione a silos. Acquisite una visibilità e un controllo unificati, che integrino le tecnologie, i servizi e le soluzioni necessari per la sicurezza end-to-end (es., Capture Security Center).
  • Modulare il costo totale della proprietà. SonicWall ha messo a punto dei sistemi per sfruttare fattori economici decisamente dirompenti e modulabili, per proteggere in modo economico ed efficace, imprese, PMI, organizzazioni ed enti pubblici.

Con la cibersicurezza illimitata di SonicWall, funzionari, responsabili decisionali e amministratori possono finalmente colmare le lacune della cibersicurezza aziendale, mitigando i crescenti rischi derivanti dai punti di esposizione esterni, il tutto con costi e interventi umani minori rispetto alla sicurezza convenzionale.

Geoff Blaine on Twitter
Geoff Blaine
Vice President of Marketing | SonicWall
A 14-year veteran of the security space, Geoff serves as SonicWall’s Vice President of Marketing. He brings a blend of real-world journalism experience, cybersecurity perspective and mainstream tech interest.
0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply